Personale docente

Angelica Moe'

Professore associato confermato

M-PSI/01

Indirizzo: VIA VENEZIA, 8 - PADOVA . . .

Telefono: 0498276689

E-mail: angelica.moe@unipd.it

  • Il Mercoledi' dalle 10:00 alle 12:00
    presso via Venezia, 8 sesto piano
    Mercoledì 03 maggio riceverò dalle 9.00 alle 11. Il ricevimento di mercoledì 26 aprile è sospeso.

1992 laurea in Psicologia, indirizzo Generale e Sperimentale, voto 110/110 e lode.
1997 Dottorato in Psicologia
1998-20000 Borsista presso il Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova
2000-2002 Assegnista presso lo stesso Dipartimento
Dal 20 dicembre 2002 è ricercatrice universitaria, settore scientifico-disciplinare M-PSI/01, presso il Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova
Da giugno 2015 è Professore Associato, presso lo stesso dipartimento.

Dal 2009 Professore aggregato dell’Università degli Studi di Padova, dove insegna
 Alla triennale, C.d.L. Scienze Psicologiche Sociali e del Lavoro, Psicologia della Personalità e delle Differenze Individuali
 Alla magistrale, C.d.L. Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica, Psicologia della Motivazione delle Emozioni
 E’ docente presso vari Master di II livello

Dal 2012: membro della GAV del CS in Neuroscienze e Riabilitazione Neuropsicologica
Dal 2014: membro della commissione prove finali

Referee abituale di varie riviste quali
Learning and Individual Differences
Personality and Individual Differences
Teaching and Teacher Education
Learning and Instruction

Appartenenza a società scientifiche:
- Associazione Italiana di Psicologia (AIP)
- European Association for Research on Learning and Instruction (EARLI)

Principali progetti di ricerca

Progetto di ricerca di Ateneo 2002 dal titolo "Verso un modello di comprensione e produzione di descrizioni di percorsi"

Progetto di ricerca di Ateneo 2005 dal titolo “Effetti degli stereotipi di genere e delle convinzioni di auto-efficacia sulla prestazione in un compito di rotazione mentale”, come responsabile scientifico

Progetto strategico 2008 dal titolo ”Difficoltà e disturbi di apprendimento dalla scuola dell'obbligo all'universita': rilevazione, intervento e servizi per il territorio”

PRIN 2008 dal titolo “L'utilizzo di documenti multimediali per l'apprendimento di nozioni geografiche: il ruolo della Memoria di Lavoro, delle abilità spaziali e degli aspetti motivazionali

Progetto di Ateneo 2011 dal titolo "Promuovere la salute mentale attraverso l’attività fisica: un confronto tra differenti strategie"

Progetto di ricerca di Ateneo 2015 dal titolo "Cognition and emotion in processing, evaluation and comprehension of on-line conflicting information: a multi-method approach'

De Beni, R., Moè, A. e Cornoldi, C. (1997). Learning from texts or lectures: Loci mnemonics can interfere with reading but not with listening. European Journal of Cognitive Psychology, 9(4), 401-415.
De Beni, R. e Moè, A. (2003). Presentation modality effects in studying passages. Are mental images always effective? Applied Cognitive Psychology, 17, 309-324.
De Beni, R. e Moè, A. (2003). Imagery and rehearsal as study strategies for written or orally presented passages. Psychonomic Bulletin & Review, 10(4), 975-980.
Moè, A. e De Beni, R. (2005). Stressing the efficacy of the Loci method: Oral presentation and the subject-generation of the Loci pathway with expository passages. Applied Cognitive Psychology, 19, 95-106.
Zanardo, F. De Beni, R. e Moè, A. (2006). Influence of other-beliefs on self-beliefs and on everyday memory self-report in the elderly. Aging Clinical and Experimental Research, 18(5), 425-432.
Moè, A. e Pazzaglia, F. (2006). Following the instructions ! Effects of gender beliefs in mental rotation. Learning and Individual Differences, 16, 369-377.
Moè, A. (2009). Are males always better than females in mental rotation ? Exploring a gender belief explanation. Learning and Individual Differences, 19(1), 21-27.
Moè, A., Meneghetti, C. e Cadinu, M. (2009). Women and mental rotation: Incremental theory and spatial strategy use enhance performance. Personality and Individual Differences, 46(2), 187-191.
Moè, A. (2009). Expectations and recall of texts: The more able–more difficult effect. Learning and Individual Differences, 19, 609-614.
Moè, A., Pazzaglia, F. e Ronconi, L. (2010).When being able is not enough. The combined value of positive affect and self-efficacy for job satisfaction in teaching. Teaching and Teacher Education, 26, 1145-1153.
Moè, A. e Pazzaglia, F. (2010). Beyond genetics in mental rotation test performance. The power of effort attribution. Learning and Individual Differences, 20, 464-468.
Moè, A. (2010). La motivazione. Bologna: Il Mulino.
Moè, A. e Sarlo, M. (2011). Who finds neutral pictures pleasant and relaxing? International Journal of Psychology , 46(2), 97-105.
Moè, A. (2012). Gender difference does not mean genetic difference: Externalizing improves performance in mental rotation. Learning and Individual Differences, 22, 20–24.
Pazzaglia, F. & Moè, A. (2013). Cognitive styles and mental rotation ability in map learning. Cognitive Processing, 14(4), 391-399.
Carraro, A., Gobbi, E., & Moè, A. (2014). Play fighting to curb self-reported aggression in young adolescents. Journal of Adolescence, 37 (2014) 1303-1307.
Moè, A. (2014). Autostima. Che cosa è, come si coltiva. Bari: Laterza.
Moè, A. (2015). Perceived control mediates the relations between depressive symptoms and academic achievement in adolescence. The Spanish Journal of Psychology, 18, 1–7.
Moè, A. (2015). Does displayed enthusiasm favour recall, intrinsic motivation and time estimation? Cognition and Emotion, 1-9.
Grassi, M., Di Giano, J. & Moè, A. (2015). Increasing the dive-length of swimmers through personalised targets. International Journal of Sport Psychology, 46
Moè, A., Cadinu, M., & Maass, A. (2015). Women drive better if not stereotyped. Accident Analysis & Prevention
Moè, A. (2016). Does experience with spatial school subjects favour girls’ mental rotation performance? Learning and Individu

Aspetti strategici ed emotivo-motivazionali dell’apprendimento, con particolare riferimento al sistema di convinzioni e a come questo può influenzare le prestazioni cognitive

Differenze individuali nelle prestazioni cognitive, con particolare riferimento al Mental Rotation Test, e loro origine: componenti motivazionali, sistema di credenze, paura di confermare uno stereotipo (stereotype threat)

Effetti di training motivazionali e strategici







In generale, propongo tesi di ricerca centrate sui seguenti temi:

1. Aspetti emotivo-motivazionali che spiegano le differenze di genere nelle prestazioni cognitive con particolare riferimento al Mental Rotation Test. Effetti delle istruzioni e del contesto in ragazzi di scuola superiore e universitari
2. Emozioni e motivazioni nel contesto dei compiti per casa
3. Effetti dell'entusiasmo

Per gli elaborati triennali accolgo anche la possibilità di rassegne.

Cerco STUDENTI/STUDENTESSE MAGISTRALI CHE SIANO INSEGNANTI O ABBIANO UN GENITORE INSEGNANTE per un lavoro di tesi a partire da settembre

Research lines, with some of the specific issues proposed for PhD students:

1 - Gender differences in cognitive abilities: effects of beliefs, stereotypes, and motivation

Some motivational factors explain gender differences in spatial an verbal abilities: which are the underlying mechanisms?

2 -Learning, teaching and achievement motivation: the role of contextual factors

Values, goals, and ability perceptions affect overall intrinsic motivation toward learning: to what extent can the environment shape these adaptive motivations ? Can enthusiasm be a key factor?

3 - Positive affect and intrinsic motivation in homework

Research has shown that autonomy-support and staying positive are two parents’ attitudes which shape students’ adaptive motivation toward learning. How can these attitudes be favored?