Valutazione

L'equipe del servizio NeuroVis.U.S. garantisce una valutazione della funzionalità del sistema percettivo e, in particolare, dei meccanismi neurovisivi, della motilità oculare, del coordinamento oculo-motorio e mani-occhi, e delle abilità attentive e di memoria visiva.

Trattamento

Il servizio è specializzato per i seguenti tipi di intervento:

  • Training neurovisivo (NVT): è una procedura comportamentale che induce plasticità attività dipendente nella corteccia visiva. Tramite apprendimento percettivo in un compito che attiva i neuroni nella corteccia visiva primaria, il training migliora la risposta interattiva nella rete di neuroni che sottende all'esecuzione del compito. Il training, approvato dalla FDA, è stato dimostrato essere efficace nel trattamento della miopia e presbiopia lieve, della dislessia e del potenziamento della visione periferica integra in pazienti con maculopatia (Polat et al. 2004, Polat, 2009; Tan & Fong, 2008; Durrie & McMinn, 2007; Maniglia, Pavan, Cuturi, Campana, Sato, & Casco, 2011). 
    E' possibile scaricare un file in formato zip contenente il DVD di una demo del neuro-vision-training.
  • Training oculomotrio (OMT): è una procedura di training dei movimenti oculari saccadici che si è mostrata capace di migliorare la scansione del campo visivo cieco in pazienti con maculopatia o emianopsia omonima (Pambakian et al., 2011).
  • Training sensomotorio (SMT): è un training neurovisivo non invasivo che consiste nella stimolazione di aree visive corticali residue con compiti di discriminazione di stimoli dinamici, per indurre plasticità neuronale in queste aree. È stato dimostrato avere efficacia nelle emianopsie (Bergsma & van der Wildt, 2010; Huxlin et al., 2009).
  • Stimolazione elettrica transcranica (tES): è una tecnica di stimolazione non invasiva del cervello, da effettuarsi con medico reperibile, che permette un recupero visivo molti anni dopo l'insorgenza della neuropatia ottica (Sabel et al., 2011).
  • Training di restituzione visiva (VRT): è un training neurovisivo non invasivo che consiste nella stimolazione di aree visive corticali residue con compiti psicofisici di detezione, per indurre plasticità neuronale in queste aree. È stato dimostrato avere efficacia nel glaucoma (Gudlin et al., 2008; Bergsma & van der Wildt, 2010).
  • Stimolazione magnetica transcranica (TMS): è una tecnica di stimolazione non invasiva del cervello, da effettuarsi con medico reperibile, che permette il trattamento dell'ambliopia anche in età adulta (Thompson et al., 2008, 2010).